giovedì 15 ottobre 2009

Stupri non denunciabili


Da Macerie: "Il primo grado del processo contro i rivoltosi di Corelli si è chiuso. C’è stata una sola assoluzione, ma le condanne sono state di molto inferiori alle richieste dell’accusa: dai 6 ai 9 mesi, contro i due anni abbondanti che pretendeva il Pm durante la sua requisitoria. Rimane tutta aperta la questione di Joy, che sarà processata per calunnia per aver raccontato in aula ciò che nessuno ha avuto il coraggio di affermare fino ad ora a voce alta: e cioè che oltre ad essere luoghi di reclusione e teatro di pestaggi, ricatti e umiliazioni, i Centri spesso nascondono storie tremende di molestie e violenze sessuali. Spogliati di tutto, nuda vita, i prigionieri sono corpi reclusi dei quali i guardiani ritengono sia naturale servirsi a proprio piacimento".
________________

(Alcuni) articoli correlati in Marginalia:

Noi non siamo complici!
Solidarietà alle migranti e ai migranti in lotta fuori e dentro i Cie
Le menzogne del regime
Donne migranti, rivolte e tentativi di stupro nei Cie
Donne migranti in rivolta
Nell'Italia neocoloniale ogni silenzio è oramai complice
L'uomo bianco stupra, lo stato bianco assolve
.

0 commenti: