lunedì 23 marzo 2009

Dagli appunti online di una femminista: come (non) fare le pulizie di primavera ...



Sarà questo primo sole di primavera, sarà che prima o poi (e corri di qua, e corri di là, fai questo, fai quello e poi quest'altro ancora ...) le energie vengono un po' meno, sarà che tira un'aria poco incoraggiante, ma sono un po' di giorni che non ho proprio voglia di fare nulla (vedi foto ... carina eh?), soprattutto qui nel blog.
E non è che non saprei che scrivere, anzi. Di cose ce ne sono da dire, fin troppe. Potrei continuare, ad esempio la telenovela su CasaPound (dai discorsi pro-mamme rigorosamente made in Italy, ai taxi rosa poco rosa che sembra siano pubblicizzati con foglietti anonimi per arrivare alla corsa elettorale in cerca di poltrona in quel di Bologna con candidati quanto meno impresentabili, quanto quello di Forza Nuova, tal don Giulio Tam ) ... Oppure potrei dedicarmi alle precisazioni e agli errata corrige (vedi per esempio i commenti al mio Economia politica dello stupro), o concludere discorsi lasciati un po' a metà come il precedente post sulle onorate famiglie (ma in questo caso hanno contribuito ad impigrirmi, i granchi che ha preso l'autore di Bande nere, che sembra proprio che siano più di uno ...). O ancora potrei (andando sul cosiddetto "personale") raccontarvi (questa è veramente una chicca) di una mail che mi è stata inviata tempo fa in una lista di discussione, con un oggetto veramente intrigante Sbirr* dell'antifascismo (la sbirr* sarei io ... ).
Insomma, ne avrei da scrivere, ma proprio oggi non (mi) va. Potrei dedicarmi alle pulizie (di primavera), ma ne ho voglia ancora meno (per non parlare poi delle pulizie securitarie, ma questo è un altro discorso ancora ...). E poi converrete con me che talvolta c'è una certa poesia nelle pile di piatti con i resti incrostati della cena della sera prima (per non parlare della scrivania con tre dita di polvere su scartoffie varie ...). Eppure, poiché dicono che il lavoro nobilita l'uomo (la donna ancora non si sa) e il previsto trasloco di Marginalia sembra che slitti ancora un po', tanto per far qualcosa potrei dedicarmi a mettere un po' in ordine questo blog.
Ad esempio poiché la lista dei Feedback, ovvero di quant* nei propri siti/blog hanno citato Marginalia (o ne hanno ripreso o ospitato dei post), è diventata un po' troppo lunga e obsoleta poichè alcuni link non sono più funzionanti dato che alcuni blog sono stati rimossi (come ad esempio Voglia di sinistra e Quel che si dice all'Osteria del Porto) oppure i blog ci sono ancora ma sono stati rimossi i link a Marginalia (eh! ... questa è un'altra chicca!). Dunque credo che un po' d'ordine non faccia male, e potrei cominciare a "sfoltire" un po' la lista. L'idea mi sembra carina, o no? E magari la faccio diventare un'abitudine, da fare di tanto in tanto. E allora qui di seguito ecco i feedback dalla nascita di questo blog al 17 marzo di quest'anno (vi assicuro che la data è scelta assolutamente a caso). Quindi, in ordine rigorosamente inversamente alfabetico, (e scusandomi se dimentico qualcun*, ma non sempre vengo a conoscenza di chi linka cosa) un grande graaaaazieee a:

* Zic.it per aver rispreso il post San Valentino a Casapound, dove il nero si tinge di rosa ...
*Wikipedia che ha linkato la mia bio-bibliografia di Christine Delphy e Wikio che continua a riprendere i miei post, anche quando non sono poi un granché ...
*Wapedia che, nella voce Sessismo, rinvia ad alcuni miei lavori su sessismo e razzismo, anche se francamente, questa voce andrebbe riscritta dall'inizio alla fine ...
*Vedove Nere per il link ...
*Tavolo 4 che ha ripreso il post San Valentino a Casapound ...
*Storie Malate, per aver pubblicato Gabriella Degli Esposti, partigiana
*Sergio Bontempelli che oltre ad avermi inserito nel suo blogroll, ha linkato il mio Obama: dal Black Power alla White House
*Schegge e riflessi per avermi inserito nelle sue Schegge di Blogsfera
*Porno che ha linkato il post su Mambro, Imma Battaglia and CO
*Paesanini Land che ha segnalato spesso Marginalia e ha ripreso anche il contestato post su Italo
*Sanguesiciliano per aver segnalato un mio post su Donne di mondo in OkNo
*Notizie minime della nonviolenza in cammino che ha segnalato Chi ha paura del separatismo?
*
Nonsoloreggae anche se non c'è il link
*No(b)logo che da spazio spesso ai miei post, da Miti e smemoratezze del passato coloniale italiano a Economia politica dello stupro
*
Orsa. Attitudine antifascista per aver linkato a innumerevoli post su neofascismo e dintorni
*
Netencyclo che rinvia alla mia bio-bibliografia di Christine Delphy
*Luki Massa che ha ripreso il mio post sul "mito" dell'otto marzo
*Lefteca che ha linkato il post Almirante esempio da seguire
*
La Nuova Towanda che cita Marginalia spesso tanto da farsi perdonare di avermi definita Salvatrice delle Patria ;-)
*
LavoroeSalute che ha ripreso Quando ad essere stuprata è una colf migrante
*La vita come viene che ha rinviato alla mia ricerca sul mito dell'8 marzo
*
L'ombra della libertà. Il retrobottega clandestino dell'Osteria del Porto, che cita spesso Marginalia anche se spessissimo non siamo d'accordo ;-)
*Il blog di Kelebek per aver ripreso un mio post in ricordo di Riccardo Bonavita, anche se non condivido affatto le opinioni del signor Miguel Martinez soprattutto in materia di revisionismi
*Incidenze che mi ha inserito nella sua Una finestra oltre il cortile e che ha linkato e ripreso parecchi miei post e tra questi CasaPound Superstar
*
Hidden Side che spesso rinvia a Marginalia
*
Grillo sparlante che ha ripreso il discorso sul razzismo/sessismo dei media
*Agnese per aver rinviato alla mia bio-bibliografia di Christine Delphy in una discussione sul lavoro delle donne in Forum etici
*Giornalismo partecipativo che continua ad ospitare i miei articoli
*Conflict per aver segnalato uno dei miei post su CasaPound e le sue sinergie con Azione Giovani in una discussione su Fascismo oggi in un forum della Fgci
*Essere donne in Italia che ha pubblicato la mia foto Italian Graffiti in Scritte vergognose sui muri
*Doriana Goracci e Reset
Donne e rivoluzione che rinviano al mio post sul "mito" dell'otto marzo (insieme alla bio-bibliografia di Christine Delphy uno dei più "gettonati")
*Coordinamento nazionale per la Jugoslavia che a segnalato uno dei miei post a proposito del razzismo contro rom e Sinti
*
Assemblea Antifascista permanente per aver segnalato molti dei miei post su neofascismo, antifascismo/antisessismo, dall'Italo da rottamare (provocazione artistica?) alle campagne populiste di CasaPound come Tempo di essere madri
*
Appunti online di Izio per L'estraneo tra noi
*Anpi Salerno che ha ripreso il mio Miti e smemoratezze del passato coloniale italiano
*Chi ha segnalato Marginalia in una bella discussione sulla letteratura femminista in aNobii
*
Alba Montori per avermi inserita tra i suoi Amiciblogger
*Afroitaliani/e che ha ripreso da Marginalia la bella frase di Barbara Smith
*
Un/una Antifà che ha postato in Indymedia Abruzzo il post San Valentino a CasaPound
.

7 commenti:

Angelo del fango ha detto...

Anche ordinare e pulire il blog e' un lavoraccio.. ;-) oltre a segnalare l'immondizia nera che invade le nostre strade. Buona settimana.

v. ha detto...

Soprattutto la seconda che hai detto ;-(
Buona settimana anche a te

rudy ha detto...

Ottima idea. Molta voglia di seguire il tuo esempio ma, se mi decido a fare le pulizie nel mio blog, non arriverò certo - tanto per limitarmi a questo - allo stile inimitabile di certe tue scelte delle immagini...

Anonimo ha detto...

Ehi ci sono pure io: dal 2004, ho aperto il mio blog di genere quando ancora in molti non sapevano cosa fosse il "gender" nel web, e il termine 'uomini' racchiudeva l'idea dell'intera umanità.
Da anni ho lavorato in perfetta solitudine, per fare un'in-formazione al femminile e proposto a siti "famosi" (la maggior parte gestiti da uomini) una nuova genealogia.
Tu, cara Vincenza, sei stata uno di quei modelli da quale ho attinto
Il mio è un piccolo blog(ma ha subìto grandi minacce)che ha visto crescere e svilupparsi (anche) nel web,nuovi modelli d'identità femminile. Traendone una gioia immensa.
Grazie anche a te.
floreana2.splinder.com

v. ha detto...

Ehi Floreana, ma sai che stavo giusto pensando a come fare per trasmetterti un messaggio di Andrea Tappi (a proposito del tuo commento sul seminario "Memoria e rappresentazione del colonialismo" che gli avevo girato)? Te lo copio incollo qui sotto per intanto e se mi fai avere tua mail ti giro il report dell'incontro a Rm. Ancora grazie

______________

Cara Floreana,
innanzitutto vogliamo ringraziarti per l'interesse mostrato all'appello che io ed Elena Petricola abbiamo lanciato e che hai trovato su Marginalia. Come previsto, sabato 14 si è svolto un primo incontro per cominciare a meglio definire i temi e a vagliare le proposte dei convenuti e di chi ha inviato un abstract relativamente agli stessi. Nelle prossime settimane si tratterà di circoscrivere ulteriormente i temi e di individuare modalità di lavoro, approcci e aspetti metodologici sulla base delle suggestioni emerse.
Presto riceverete una breve sintesi della giornata di sabato, a partire dalla quale iniziare a intavolare una discussione in rete prima di rivederci a Firenze il 23 maggio.
Abbiamo letto il tuo messaggio postato su Marginalia e per il momento non avevamo previsto una declinazione del tema generale nei termini che sembri proporre. Ti chiederemmo di specificare meglio, se credi, la tua proposta ed eventualmente indicare a quale degli temi segnalati nell'appello saresti più interessata.
Come abbiamo fatto con gli altri, ti invitiamo inoltre a comunicarci il tuo consenso all'inserimento del tuo indirizzo e-mail nella lista di discussione dedicata al progetto di lavoro.

Un caro saluto,
Andrea Tappi

Anonimo ha detto...

Vi chiedo scusa, se non ho risposto, ma per esigenze lavorative(ero troppo stremata per accendere il pc) non ho potuto leggerla.
Mi ha colpito la vostra iniziativa, perché reputo questo argomento interessante e attuale per capire anche, le origini e dinamiche di certi eventi storici. Certe realtà 'locali',non si spiegano se non se ne dis-velano i contesti più generali (e globali, come oggi, si direbbe)entro i quali sono state rese operative certe scelte(economiche, politiche, sociali.).
Solo un anedotto personale, che però la dice lunga, in merito a ciò che ho scritto: ero poco più di una bambina(metà anni '60), e non scordo ciò che gli uomini di famiglia, spesso ripetevano senza nascondere affatto, rabbia e rammarico. " Grazie a Giuliano, saremmo potuti essere la 50esima stelletta della bandiera americana"... "E' colpa dei comunisti se, ora, siamo italiani poveri,invece che americani e ricchi"...
La condivisione e il sostegno (in Sicilia)di una strategia (che fu anche stragista e di destra) di un sogno separatista, fu l'humus per le dinamiche del sogno imperialista (e fisiologica colonizzazione).

Vi invierò la mia e-mail.
Grazie e un caro saluto

floreana

v. ha detto...

Giro, grazie
v.