giovedì 5 giugno 2008

NO TRESPASSING


Mi chiedo come i cosiddetti mass media - che hanno contribuito in maniera determinante al consolidarsi negli ultimi anni della sciagurata equazione immigrato=stupratore - gestiranno nei giorni a venire lo stupro di una ragazzina marocchina quattordicenne da parte di un italiano. Probabilmente seppellendola in un trafiletto verso le ultime pagine ... [1]
La notizia del prete che ha preteso "favori sessuali" da due donne migranti "clandestine" in cambio di un aiuto per ottenere il permesso di soggiorno [2], probabilmente sarà sepolta con ancora maggiore cura. O, se salta fuori, sarà per dirci in seguito che il povero prete è un santo ... [3]. Dovrò decidermi a scrivere un giorno più diffusamente su quella che potremmo definire economia politica dello stupro.

NOTE:

[1]
La notizia è passata anche sul Tg3 Lombardia. Inutile dire che se lo stupratore fosse stato un "immigrato" e la bambina una "bambina italiana", la notizia sarebbe passata con grande enfasi su tutti i Tg nazionali e avrebbe fatto la "prima" dei quotidiani... Ma - in ogni caso - non viene centrato (ancora una volta) il problema "vero", che non è la "nazionalità" dello stupratore ma è: "uomo violenta bambina" . E non è mai banale ricordarlo.
[2]
La notizia è stata pubblicata oggi dalla Gazzetta di Mantova a pagina 14 ... ho letto l'articolo pochi minuti fa nella lista di Facciamo Breccia., prezioso luogo di scambio e circolazione.
[3] E' già successo un mucchio di volte ...

To be continued...

_________________________

Articoli correlati in Marginalia:

Sessismo e razzismo: informazione e deformazione
Sommovimento antirazzista e antisessista
Una biblioteca della memoria

7 commenti:

sparkaos ha detto...

questa è proprio da ridere (o piangere) chiunque guarda i dati ufficiali si rende conto che la percentuale di stupri da parte di immigrati è bassissima rispetto a quelli che avvengono nelle mura domestiche o cmq da parte di italiani.
diamo la colpa ad altri per lavarci le coscienze e non affrontare il problema di una cultura repressiva che genera incubi

paola ha detto...

Bellissima la fto di Citizen Kane!
paola

vincenza perilli ha detto...

Per Sparkaos: credo che invece che continuare a perdere tempo qui in Marginalia a "denunciare" simili episodi di "terrorismo mediatico" passerò alle denunce vere e proprie. Non si può continuare così.

Per Paola: sì, bellissima.

Flora ha detto...

ciao! ti segnalo di corsa questo storico corteo che si è tenuto a roma ieri,
http://sucardrom.blogspot.com/2008/06/roma-rom-e-sinti-chiedono-rispetto.html

sul mio blog ne trovi anche alcuni video

a presto!

vincenza perilli ha detto...

Grazie Flora,
ovviamente anche se non ho partecipato sapevo del corteo dell'8 a Roma. E mi farà piacere vedere almeno il video ...
v.

Flora ha detto...

ciao , ti volevo anche segnalare un libro bellissimo, che esplora le intersecazioni tra classe, razza, genere..
è il memoir dell'afroamericana/italoamericana kym ragusa "the skin between us" appena uscito in italiano, con il titolo "la pelle che ci separa".
Sul mio blog ci sono tutti i dettagli!

vincenza perilli ha detto...

Grazie della segnalazione Flora cara! Non ci crederai, ma me ne ha parlato proprio sabato notte una compagna di Roma (come me nel gruppo di lavoro sul razzismo che si è costituito lo scorso Flat) qui a Bo per Sommosse/manif ! Guarda la "sintonie" :-)
E' un periodo per me con poco tempo ma ovviamente non vedo l'ora di leggerlo! E dopo mi farebbe piacere avere uno scambio sul libro con te
Grazie ancora e a presto
v.