domenica 19 luglio 2009

Se ad essere ucciso è "uno sporco negro" non è razzismo. Anzi, quasi quasi se lo meritava

A quasi un anno dall'omicidio di Abdul Salam Guibre, detto Abba, massacrato a colpi di spranga e bastone il 15 settembre scorso a Milano, arriva la sentenza: 15 anni per omicidio volontario, non essendo stata ritenuta dal pm l'aggravante dell'odio razziale. Quella notte due baristi, padre e figlio, inseguirono con spranghe e bastoni tre ragazzi che avevano rubato un pacco di biscotti urlando "negri di merda", "dove vai cioccolatino" e "sporco negro". Ma il razzismo non c'entra ... Del resto all'epoca dei fatti lo stesso vice sindaco De Corato aveva affermato che la matrice razziale non c'entrava, tesi ribadita in diretta televisiva a Porta a Porta da Silvio Berlusconi: "la questione razziale e il colore della pelle non c'entrano nulla", semmai il problema andava individuato nella "politica delle porte aperte" che "ha portato a far sentire gli italiani meno sicuri". Insicurezza in nome della quale è legittimo (per gli italiani ben inteso) difendere con ogni mezzo la propria "proprietà" (che sia un pacco di biscotti o le cosiddette "nostre donne" poco importa), soprattutto quando questa viene insidiata da uno "sporco negro" (o da un "rumeno"). In fondo, come ebbe a dire a caldo il segretario provinciale della Lega Nord Romagna, Piero Fusconi, quei tre ragazzi che avevano "violato la legge ... una lezione se la sarebbero meritata" e che questo omicidio era stato uno "spiacevole inconveniente" del quale chi come Abdul si sarebbe posto fuori dalla legge "non ha diritto di lamentarsi". I familiari di Abba invece continuano ad esercitare il loro sacrosanto diritto a lamentarsi, denunciano la pena inflitta ai due imputati come troppo bassa e soprattutto ribadiscono il peso che la componente razziale ha avuto nella ferocia dell'omicidio.
Sarò banale, ma provate ad immaginare quale sarebbe stata la pena se la vittima fosse stata un ragazzo italiano/bianco e l'omicida uno di quei commercianti migranti che gestiscono negozietti di alimentari aperti fino a tarda notte dove sembra che i furtarelli non si contino ...
Idealmente sono contro tutte le galere come recita lo slogan ma nella realtà di questo paese dove la vita di un migrante o di un rumeno vale meno che niente, dove ancora nessuno ha pagato per tante stragi di Stato, dove nessuno cercherà i veri colpevoli per i morti del terremoto in Abruzzo, per la tragedia di Viareggio, per le continue morti sul lavoro e dove chi ha il potere si cambia le leggi per non finire in galera mentre nei Cie un/una migrante può marcire fino a sei mesi senza aver fatto assolutamente nulla... beh, io di queste galere con certi personaggi dentro, butterei via le chiavi ...
E ora fucilatemi.


3 commenti:

socialista eretico ha detto...

due domande:

1) quanto hanno dato al poliziotto che ha sparato a quel giovane tifoso?

2) quanto danno per stupro?

marginalia ha detto...

Filomeno scusa la brutalità: ma ti rendi conto ti quanto sono idiote queste tue domande? Cosa significano? Al poliziotto che ha ucciso quel poveraccio hanno dato sei anni (o poco più mi sembra) perché la divisa non si processa come dice Celestini. E nei casi di stupro dovresti saperlo, alcuni neanche si processano, e quando si processano dipende da tanti fattori: da chi è la donna, da chi è lo stupratore. Se ad essere stuprata è ad esempio una sex workers lo stupratore ha molte possibilità di farla franca. E fa differenza, come ci insegna anche cronaca recente, se lo stupratore è uno "straniero" o un bravo italiano, alla quale stampa, opinione pubblica e giudici sono troppo spesso pronti a trovare qualche attenuante ...
E' questa "differenza" che ho denunciato in questo post, insieme al fatto che l'aggravante dell'odio razziale non viene quasi mai ritenuta. Chiediti perché

clash77 ha detto...

Il silenzio mi sembra significativo