venerdì 21 agosto 2009

Ramadan queer

Oggi inizia il Ramadan. Per l'occasione rinvio al fumetto Ramadan di Jennifer Camper, nella traduzione italiana di Brune Seban per ControStorie. Che dire ... buon Ramadan a tutte/i ?
;-)
.

5 commenti:

Floréal ha detto...

E che cavolo ce ne frega che incommincia quel loro rito ? Non prendi mica il disturbo di segnalarci se è pasqua o natale e fai bene perché non ce ne frega proprio nulla lo stesso. Quindi perché evidenziare quel assurdo rito musulmano che nuoce alla salute et indebolisce i bambini e le personne fragile? Ma ci vedi qaulcosa di femminista te?
Basta con l'inganno multiculturale che non porta altro che regressione per le donne.

socialista eretico ha detto...

una storia di ramadan italico:

http://wordwrite.wordpress.com/2009/08/22/ramadan-al-settimo-cielo/






@ FLOREAL:

credo che dal digiuno sia esentato chi non ha il fisico adatto.

però il tuo interrogativo è opportuno: perchè le femministe kompagne fanno differenza tra il patriarcato europeo ed il patriarcato del terzomondo?

Anonimo ha detto...

Che bello, che segnalazione intelligente, come sei altruista e comprensiva.
Farebbe piacere però che segnalassi anche che a fine Ramadan questa persona:
http://www.repubblica.it/2009/08/sezioni/esteri/donna-birra/donna-birra/donna-birra.html
si beccherà delle frustate per aver bevuto birra.
A proposito a quando una segnalazione per la Quaresima?
Lilyo

marginalia ha detto...

Ho la spiacevole sensazione che nessuno/a di voi tre abbia letto il fumetto di Jennifer Camper prima di commentare ...

Perché diversamente non saprei come spiegarmi il tenore dei vostri commenti che denotano assoluta mancanza di comprensione verso quanto vado scrivendo qui da quache annetto. E se non altro vi manca pure il senso dell'ironia ...

Peccato

socialista eretico ha detto...

il fumetto l'ho letto dopo ed effettivamente il tuo augurio poteva esser ironico(ma anche no).

però , cara v. , proprio perchè ti si legge spesso, si è pensato che fosse serio.

se poi tu pensi che si sbaglia ad interpretarti, beh di fronte un errore diffuso, dovresti interrogarti sulla tua comunicazione, non sulla comprensione altrui.

lo so lo so ... le femministe non possono ammettere di aver sbagliato pena la caduta dell'unica vera ragione "ideale" per cui si è femministe: la superiorità morale/etica.