mercoledì 13 maggio 2009

Difendere la "razza". Identità razziale e politiche sessuali nel progetto imperiale di Mussolini

E' finalmente in libreria il volume Difendere la "razza". Identità razziale e politiche sessuali nel progetto imperiale di Mussolini, di Nicoletta Poidimani (Sensibili alle Foglie., 2009). Questo volume nasce, come recita la quarta di copertina, "da una ricerca sulla genealogia della mentalità razzista in Italia; un lavoro di tessitura fra la storia dell'impresa coloniale nel Corno d'Africa, i dispositivi dell'immaginario di conquista, le biopolitiche di Mussolini nell'Impero e in territorio nazionale. L'originalità di questa ricerca consiste nell'evidenziare , anche da una prospettiva di genere, il convergere di diversi piani e codici comunicativi, cosi come di diverse discipline e saperi, nella costruzione della 'razza italiana' [...]. Oggi i vecchi e sperimentati dispositivi razzisti e de-umanizzanti formatisi in quegli anni si stanno riattivando sulla pelle di donne e uomini migranti e molte parole, proprie dell'ideologia di quell'epoca, si ripresentano nel linguaggio quotidiano, cosi come torna a riaffacciarsi sempre più prepontemente una concezione della donna e della famiglia di stampo clerico-fascista. L'auspicio è che questo lavoro possa essere non solo un contributo al contrastato e faticoso evolversi degli studi coloniali, ma anche uno strumento critico per conoscere questa parte della storia italiana e prevenire la ricaduta nell'orrore della barbarie fascista". Mentre una presentazione è in via di definizione (presto qui data e luogo), vi copio-incollo di seguito l' indice rinviando per intanto al sito dell'autrice per ulteriori dettagli.

I. DALL'IDENTITA' NAZIONALE ALLA 'RAZZA ITALIANA': GENEALOGIA DI UN'IDEA

1. Il razzismo fascista e la Difesa della razza
2. Dall'onore al 'prestigio di razza'
3. Romanità, arianità e destino imperiale
4. 'Razza italiana', confini territoriali e cittadinanza
5. Un futuro coloniale per gli emigrati
6. Dall'Italie delle 'due razze' alla conquista dell'impero
7. La costruzione della 'razza italiana' in territorio nazionale

II. COSTRUIRE L'IDENTITA' IMPERIALE: LA 'PUREZZA RAZZIALE' COME PROGETTO

1. Un'antropologia politica al servizio dell'impero
2.Volgarizzazione, mistificazione e propaganda
3. "L'impero fascista non può essere dei mulatti"
4. Il meticciato e i paradossi dell'identità razziale

III. AUT IMPERIUM, AUT VOLUPTAS: POLITICHE CONTRO LA PROMISCUITA'

1. "La legge nostra è schiavitù d'amore ..."
2. Dalla ipersessualizzazione all'invisibilità
3. Politiche sessuali e persecuzione delle unioni miste
4. Gli insabbiati e il meticcio Benito
5. 'Prestigio' e segregazione urbana
6. Uteri littori per la difesa della razza

_______________

L'immagine è la copertina di un numero de la Difesa della razza, non del libro di Poidimani. Sempre meglio specificare ... Intanto (poichè dubito di avere il tempo per scrivere un'altro post qui entro oggi/domani) ne approfitto per segnalare a bolognesi e non-stanziali il sit-in contro il "pachetto sicurezza" promosso dal Coordinamento migranti per questo pomeriggio a Bologna e, sempre a Bologna, il presidio itinerante di domani che dalle Due Torri si concluderà sotto il Cei di via Mattei. So che altre iniziative sono in programma in questi giorni un po' in tutta Italia: buona lotta a tutte/i.
.

0 commenti: