sabato 7 maggio 2011

Quando contro i migranti si invoca anche Hitler

Mentre ci accingevamo a postare una breve nota in ricordo di Mabruka, suicida nel Cie di Ponte Galeria a Roma tre anni fa, ci è giunta segnalazione di un video che documenta uno dei tanti inquietanti episodi di razzismo "diffuso" (o "popolare") in Italia. Il titolo del video è Controllori di razza. Guardatelo, tenendo conto, beninteso, che tali episodi esistono (e si moltiplicano), perché leggittimati da una certa pratica politica e istituzionale.

(Alcuni) articoli correlati in Marginalia:

Cie: rivolte, stupri, fughe e processi
Clandestini: licenza d'uccidere
Cie low cost
In nome del burqa: storie di ordinario razzismo
Prima le donne e i bambini (con riserva)
Stupri non denunciabili
Sui Cie e sulle ragioni economiche delle complicità
Nei Cie si stupra
Storia di un'ex-colonizzata ...
Donne migranti, rivolte e tentativi di stupro nei Cie
I Cie "hotel di lusso" per migranti
Vivre libre ou mourir. Per Mabruka, suicida in un Cie
Un'altra Rosa Parks

2 commenti:

Roby Bulgaro ha detto...

Sicuramente hai ragione sulla legittimazione, di certa parte politica, a simili, vergognosi episodi. Ma mi intestardisco a credere che siano pochi e isolati, frutto di una bassa cultura ed ancor più bassa sensibilità che non deve appartenerci. Dovremo delegittimarli noi, questi comportamenti, condannandoli di fronte a chiunque si senta in dovere di plaudirli.

marginalia ha detto...

Certo, ma anche la "cultura" è una costruzione e non è separata da un certo clima e da precise scelte che sono anche politiche (in senso lato e non). Isolati o meno, episodi simili sono in aumento ed è giusto ovviamente condannarli 'come faccio/facciamo), ma bisogna anche trovare modo per sgretolare una certa cultura, incepparla e intaccarla. Ciao, buon lavoro