mercoledì 10 giugno 2009

Cercasi altra Ma(donna) partigiana per l'Abruzzo


Girovagando ho ritrovato (e fotografato) la lapide commemorativa alla quale accennavo nel post Miracoli italiani sotto le macerie di Casa Nostra. E' a Roma, in una stradina del centro storico, via dei Pettinari. E' posta sotto un'edicola sacra del Trecento della Madonna del Divino Amore e recita (copio io per non farvi sforzare gli occhi sulla foto): " Il popolo del rione San Filippo innalza tra le sue case la Madonna del Divino Amore salvezza di Roma nel 1944 e di tutti i secoli dell'era di Cristo" ...
Nessuna salvezza invece in vista per l'Abruzzo, ma(donne) a parte. Le notizie sono drammatiche, alle già pessime condizioni si è aggiunta, in vista del G8, una pesante militarizzazione del territorio. Ma le lotte dei/delle terremotati/e sono determinate, e in prima fila ci sono le donne. Continuiamo a sostenerle, pur tra le tante scadenze e urgenze di questo periodo. Rinvio al documento L'Aquila e le altre contro il G8.

_____________________

Articoli correlati in Marginalia:

Miracoli italiani sotto le macerie di Casa Nostra
Abruzzo resistente
Santa Madre Chiesa e le sue Ma(donne)
La Madonna del manganello
Madonna prosciolta
.

1 commenti:

Paolo Borrello ha detto...

Il mio ultimo post ti potrebbe interessare.
Ciao