martedì 1 dicembre 2009

Morire d'aborto perché "clandestina"

Leggo da un lancio Ansa che due donne migranti, di origine rumena, sono morte a pochi giorni di distanza a Taranto. La causa sembra essere l'uso di un farmaco abortivo. Farmaco "proveniente dalla Romania" viene specificato. Quello che non si specifica è che, grazie al cosiddetto "pacchetto sicurezza" e al clima di "caccia agli stranieri" attualmente vigente in Italia, moltissime donne migranti per paura di essere denunciate come "clandestine" ricorrono da mesi all'uso di farmaci abortivi. Tra questi il Cytotec, un farmaco contro l'ulcera che preso a dosi massicce provoca forti contrazioni fino all'aborto. Per procurarselo non è necessario farselo spedire dalla Romania: basta andare in una qualsiasi farmacia italiana. Una scatola costa meno di quindici euro, se non hai la ricetta con qualche euro in più puoi acquistarla da quelli che la stampa ha definito "spacciatori d'aborto". Ma i veri spacciatori d'aborto sono gli obiettori di coscienza (grazie ai quali i tempi di attesa si dilatano oltre misura), le umiliazioni e le lunghe trafile che spingono oramai anche donne italiane con i documenti "in ordine" a ricorrere all'aborto clandestino. E per le donne migranti, in più, la paura, se senza documenti, di essere denunciate grazie al reato di immigrazione clandestina e finire in un Cie. Alcune non vanno in ospedale neanche in seguito ad un aborto spontaneo, come Vira Orlova, morta dissanguata qualche mese fa. Anche questa è violenza sulle donne
.

6 commenti:

anna maria mangia ha detto...

Dal commento che hai lasciato sul mio blog, intuisco che dopotutto, anche tra le femministe serpeggia lo spirito da camerata.

marginalia ha detto...

Devo fidarmi: detto da una che nel suo blog rinvia a Forza Nuova Orvieto ...

Franci ha detto...

Il pacchetto sicurezza va combattuto ed anche gli obiettori di coscienza. Il diritto all'interruzione di gravidanza è sancito da una legge, se a questi non va bene che vadano a fare i preti o i seminaristi. In un paese che si definisce democratico non possono avvenire delle cose così, sono d'accordo con te, grazie!

Rosetta ha detto...

Condivido quello che dice Franci, quella che segnali è una storia terribile, quante donne ancora devono morire?
baci

Anonimo ha detto...

Per il vostro dossier ti segnalo anche quest'altra notizia, un'altra donna morta per il Cytotec in un campo nomadi a Roma:
Pillole per lo stomaco: muore donna romena

PIPPO8 ha detto...

mah.... alla fine queste x farle ragionare, non so' cosa ci vuole....
queste stanno a zero con educazione sessuale e metodi contraccettivi.

Per il resto negli ospedali italiani l' aborto si pratica senza problemi, certo che se ci si presenta alla 11 settimana e si vuloe fare tutto di fretta la vedo dura....
Per fortuna la precedenza e' per le donne che vogliono avere figli ...