giovedì 15 maggio 2008

L'estraneo tra noi. La figura dello zingaro nell'immaginario italiano

Oggi a Napoli una manifestazione delle reti antirazziste ha denunciato gli assalti di questi giorni ai danni di vari campi nomadi nella periferia orientale della città innescati dal presunto tentativo di rapimento di una bambina da parte di una "zingara".
Ed è l'immagine del rapimento di un bambino da parte di una carovana di zingari - un'illustrazione di Achille Beltrame per un numero del 1909 de La Domenica del Corriere - che campeggia nel manifesto della mostra curata dal Centro Furio Jesi dal titolo “L’estraneo fra noi. La figura dello zingaro nell’immaginario italiano”.
La mostra, che ripercorre l’antigitanismo nella società italiana tra Ottocento e Novecento attraverso pagine di giornali, copertine di riviste, romanzi e libri per l'infanzia, fotografie, documenti scientifici e altro materiale, verrà inaugurata domani pomeriggio alle 18 a Bologna, all’Archiginnasio di piazza Galvani 1, con la partecipazione - tra gli altri - del curatore Mauro Raspanti.
Nella nota introduttiva al catalogo della mostra si sottolinea come " A lato di quelle figure concrete, con le loro abitudini e i loro comportamenti, con i loro pregi e i loro difetti, che oggi chiamiamo Rom e che almeno dal 1422 fanno parte a tutti gli effetti della storia italiana, esiste un'altra figura che si affianca loro e che spesso si sovrappone alla realtà: l'immagine dello "zingaro". Termine ancor oggi dall'etimologia controversa, ma che indubbiamente nel corso del tempo ha condensato in sé una seria di stereotipi, quasi sempre negativi [...]. Questo termine è qui utilizzato consapevolmente nella sua carica straripante di pregiudizi, e che in questo contesto riteniamo pienamente legittimo. Lungi dal definire un'essenza della cultura Rom, rimanda piuttosto a un rapporto fra due entità egualmente costruite: il buon cittadino italiano e la sua controparte negativa, il nomade zingaro senza patria. In questo complesso gioco relazionale, i Rom diventano l'emblema del non cittadino, dello straniero interno, di cui non ci si può fidare, la cui sola presenza genera insofferenza e inquietudine e diventa essa stessa ingombrante e da eliminare".
Ed è questa figura dello "zingaro" che la mostra indaga, attraverso i vari "sguardi" che dall'Ottocento a oggi l'hanno "costruita" e definita come "estranea": dallo sguardo della stampa popolare (di cui l'illustrazione di Beltrame è un esempio), dallo sguardo scientifico (tra gli altri Cesare Lombroso in L'uomo delinquente), lo sguardo razzista (con, ad esempio, diversi articoli tratti da La difesa della razza), allo sguardo letterario (il romanzo Zingari di Mario Almirante, padre del più noto Giorgio) allo sguardo dei media. E di questi ultimi (da La Padania passando per La Repubblica a Il Secolo d'Italia) viene seguito il filo rosso di quello che sembra essere uno dei più tenaci stereotipi riguardanti gli "zingari" come "ladri di bambini". "E' come un fantasma in sonno, periodicamente destato da "notizie" che, opportunamente diffuse dai mass media, diventano leggenda metropolitana, passaparola linguacciuto, senso comune. Durante l'estate dello scorso anno si è consumato l'ultimo episodio di isteria collettiva. Su una spiaggia di Isola delle Femmine, alle porte di Palermo, un gruppetto di nomadi "invade" uno stabilimento balneare per chiedere l'elemosina. E' sabato pomeriggio, e la spiaggia è piena di bambini. Uno di questi si avvicina incautamente a Maria Feraru, 45enne cittadina romena residente nel trapanese. Una donna inizia a urlare, attirando l'attenzione dei presenti. Sarà lei a sostenere che la "zingara" aveva nascosto il bambino sotto la gonna. Dopo una breve fuga, l'accusata viene catturata dai carabinieri e tradotta in carcere". Qualche giorno dopo il caso si smonta, la donna viene rilasciata ma se "il caso è chiuso [...] i giornali ne avevano già spolpato la carcassa, mentre il veleno correva anche sulla rete". E se "la diceria che gli zingari rubino i bambini non trova riscontro nella giurisprudenza italiana [...] la credenza permane nell'immaginario collettivo, e il comportamento della stampa non aiuta a sradicare questo luogo collettivo".
Un titolo de La Padania (31 Luglio 2007): Emergenza nomadi. Ladri di bambini sulle nostre spiagge ...



Dal 16 maggio al 21 giugno.
Info: Scuola di Pace 051 491953

_____________________________

Articoli correlati in Marginalia:

Disimparare il razzismo
Il delirio razzista
La pelle giusta
.

10 commenti:

sparkaos ha detto...

cmq tu devi risolvere stoi cavolo di problema con i feed che se no è una palla.

P.S. volevo solo farti un saluto e non sapevo che scrivere

barbara ha detto...

Forse ti può interessare questa cosa: http://www.gfbv.it/3dossier/sinti-rom/it/rom-it.html

vincenza perilli ha detto...

Per Sparkaos: hai fatto bene a ricordarmi la storia dei feed ... cerco di provvedere! E bene hai fatto a passare anche solo per un saluto, io ultimamente mi sono un po' "persa"

Per Barbara: grazie, effettivamente sono materiali interessanti. Credo che la conoscenza possa aiutare a scardinare la percezione degli "altri" come "estranei", un primo passo verso il non-razzismo.

falecius ha detto...

Molto interessante. temo di non avere tempo per fermarmi a Bologna in questo periodo, ma in caso so cosa vedere.
Scusa se mi faccio meno vivo; ho poco tempo e non sempre posso connettermi, ma sappi che cerco di leggerti sempre.

Clash77 ha detto...

Ti leggo sempre anch'io come penso sai. Trovo sempre tutto molto interessante, ma vorrei ricordarti che aspetto dai primi di Aprile la seconda parte dei Misteri della rete. Ti assicuro che non sono l'unico!

Anonimo ha detto...

cara Vincenza,
hai una bella foto che ti aspetta tra le tue mail private.
Credo che abbia a che fare anche con te..

Ieri corteo imponente, non privo di difficoltà...

ti abbraccio,
martina

vincenza perilli ha detto...

Per Falecius: non preoccuparti, e grazie di leggermi nonostante gli impegni. Del resto, come credo di averti già detto una volta, non credo sia (sempre) negativo avere poco tempo per il web. Perché significa che hai altre cose (spero belle e interessanti) da fare nel "mondo reale".

Per Clash77: grazie anche a te! E prometto presto la nuova parte del feuilleiton. Ma anch'io ho poco tempo, ultimamente meno che del solito e disgraziatamente non sempre perché faccia cose belle e interessanti come mi auguravo per Falecius. Ma questa è un'altra storia, che magari sarà oggetto di un nuovo racconto a puntate, I misteri del precariato...

Per Martina: grazie carissima. La tua foto da Verona mi ha spinto a pubblicare un nuovo post, in una malinconica mattinata di pioggia chiusa in casa a lavorare ... Un abbraccio fortissimo
v.

maurizio ha detto...

ti ringrazio per avere inserito il mio blog tra i tuoi feedback.
ho fatto anch'io la stessa cosa.
il tuo blog merita veramente di essere conosciuto.
ti seguirò con attenzione e partecipazione.
buona continuazione.
a presto.

maurizio

vincenza perilli ha detto...

Grazie a te Maurizio, buona continuazione anche a te! Qui bisogna resistere
v.

Anonimo ha detto...

imparato molto