lunedì 19 maggio 2008

Contro ogni fascismo



Verona, 17 maggio 2008*

______________________________

Rinvio a :

Squadrismo a Verona
Un omicidio terribilmente politico
Enciclopedia della neolingua: Ideologie
Verona 17 maggio
Memoria per dimenticare
Forza Nuova e gli assassini di Verona
Report e foto

* Grazie a Martina Guerrini per avermi inviato questa foto della manifestazione antifascista di sabato, alla quale mi è stato impossibile essere fisicamente. E grazie per averla scattata nel quartiere Veronetta, quartiere "migrante" della città. Il quartiere che il sindaco leghista di Verona, Flavio Tosi, vorrebbe "ripulire".
Le sue strade sabato sono state attraversate da due cortei, quello antifascista indetto dall'Assemblea cittadina e quello promosso dal Coordinamento migranti di Verona.
Mi dicono che, dalle finestre, la gente applaudiva.
.

10 commenti:

Anonimo ha detto...

...di niente.
Tosi in queste ore ha fatto rimuovere i bigliettini e i fiori sul luogo dell'omicidio di Nicola.
I commenti sono superflui, di fronte al fascismo istituzionalizzato.

ti abbraccio cara Vincenza,
martina

sparkaos ha detto...

ei ti posso rubare l'immagine obiettiamo agli obiettori?
ne ho beccato uno l'altra sera (ERO AL PRONTO SOCCORSO PER ALTRI MOTIVI STUPIDI) che ha rotto per la pillola del giorno dopo AD UNA RAGAZZINA CHE NON sapeva che fare e lui stronzissimo
ciao

vincenza perilli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
vincenza perilli ha detto...

Per Martina: oui, avevo saputo stamattina da un amico della "ripulita" ordinata da Tosi. Pensi sempre che abbiano già toccato il fondo, ma poi scopri che sono capaci di andare oltre ogni immaginazione. Che schifo. Un abbraccio forte anche a te, spero presto non virtuale

Per Sparkaos: qui in Marginalia puoi "rubare" tutto quello che vuoi, basta citare la fonte;-)
Il banner Obiettiamo gli obiettori è il logo della campagna omonima, c'è anche un blog (Ogo, appunto) dove trovi tutto, ma proprio tutto. Il link è nella rubrica sulla destra (in Eppur si muove o Segnaletica, non ricordo bene). Quando hai tempo raccontami la storia del Pronto Soccorso, mi interessa

Fac ha detto...

più che altro che barba chi nel 2008 si fa ad un ideologia del 1919...!

vincenza perilli ha detto...

Per Fac: da parte mia trovo più barbosi i commenti anonimi... Comunque quale sarebbe questa "ideologia del 1919"??? O piuttosto: proponi qualcos'altro o semplicemente sei per la "fine delle ideologie"?

Anonimo ha detto...

Queste manifestazioni sono più che mai necessarie.
Ciao

Paolo Borrello

sparkaos ha detto...

beh la storia è semplice la tipa sui diciotto non doveva aver mai avuto bisogno della pillola del giorno dopo e non sapeva a chi rivolgersi. Al pronto soccorso il medico gli ha tirato fuori tremila scuse la principale era che c'era tempo e doveva farsela dare dal proprio ginecologo. Lei non lo aveva (credo non fosse di Roma) ed era un pò spaventata così c'è stata un pò di caciara, ma il medico insisteva che non gliela dava e basta, ha tirato fuori anche l'obiezione di coscienza, poi se ne andato lasciandola lì. Ero con un amica e lei gli ha dato il numero del suo dottore, quindi alla fine tranquillo, ma più di tutto ho odiato l'atteggiamento del medico che in pratica l'ha cacciata dallo studio e mezza discussione si è svolta in pubblico davanti a diverse persone. Io sinceramente gli ho consigliato di denunciarlo, anche per questo che è una palese violazione del segreto professionale, ma lei non ha voluto.

Cmq grazie per le informazioni e ciao

vincenza perilli ha detto...

Per Paolo: concordo pienamente con te. Del resto non so ancora quanto a lungo sarà possibile continuare a manifestare liberamente il dissenso

Per Sparkaos: grazie del racconto e soprattutto di aver rilanciato la campagna Obiettiamo agli obiettori in Frammenti nomadi. Se permetti faccio girare il tutto in liste varie. Insomma ... controinformazione e propaganda ;-)

Anonimo ha detto...

Oggi ho scritto un post nel mio blog sulla pretesa di famiglia cristiana di "sgretolare" la 194. Mi piacerebbe di avere un tuo commento.
Ciao

Paolo Borrello