venerdì 31 dicembre 2010

Li chiamavano Cpt : in ricordo della strage al Serraino Vulpitta

Noi non dimentichiamo. Nella notte tra il 28 e il 29 dicembre 1999, nel Cpt (Centro di permanenza temporanea, così erano stati battezzati gli attuali Cie) di Serraino Vulpitta, vicino Trapani, in seguito ad una rivolta duramente repressa, un gruppo di migranti viene rinchiuso in una cella. Il Serraino Vulpitta era stato aperto solo da qualche mese, primo Cpt in Italia dopo il voto della Turco-Napolitano, la nuova legge sull’immigrazione che li istituiva. I migranti rinchiusi nella cella per protesta danno fuoco ad alcuni materassi ma la porta non viene aperta. Scoppia un vero e proprio rogo e anche allora i soccorsi si fanno attendere: e così che tre migranti muoiono carbonizzati, altri tre moriranno in ospedale dopo settimane di atroci sofferenze. A undici anni di distanza per la morte di Jamel, Rabah, Nasreddin, Lotfi, Ramzi e Nasim non vi è ancora nessun responsabile, dopo anni di indagini e processi i colpevoli sono stati tutti assolti, compreso il prefetto di Trapani, rappresentante del Ministero dell’interno e, come tale, responsabile del centro di detenzione. Rinviamo a Vulpitta Residence, in memoria.

3 commenti:

strippy ha detto...

copio e incollo.

marginalia ha detto...

Grazie, per il post certo ma anche di avermelo fatto sapere. Passo poco tempo in rete e non conoscevo ancora il tuo blog. Ho inserito Spazi altri nella sezione I link di Marginalia, così tutte le volte che mi sarà possibile passerò a vedere quanto scrivi. Ho condiviso la tua indignazione per l'assoluzione di tutti i responsabili facisti della strage di Piazza della Loggia, ed altro. Restiamo in contatto se si può ...

Strippy ha detto...

D'accordo, passo anch'io ogni tanto...
Ciao
Metto il tuo Blog nei miei.... ciao